Insonnia in Gravidanza, Come Combatterla?

Insonnia e Valeriana in Gravidanza

Insonnia

 

La perdita di sonno non riguarda esclusivamente il periodo immediatamente successivo al parto, ma anche le donne in gravidanza possono soffrire di insonnia.

Se nel primo caso non si può far molto se non armarsi di pazienza e aspettare che il neonato concluda i suoi pasti notturni, nel secondo caso le future mamme possono intervenire migliorando la qualità del loro riposo.

Le cause che portano all’insonnia durante la gravidanza

 

L’insonnia può colpire spesso le donne in gravidanza. Le cause sono principalmente due:

  1. Una di natura ormonale
  2. Una di natura fisica

La prima riguarda il primo trimestre. Le variazioni ormonali che l’organismo di una donna incinta subisce può creare problemi alla qualità del sonno.

L’aumento della produzione di progesterone, indispensabile per la buona riuscita di una gravidanza, ha delle conseguenze: una maggiore stanchezza per la futura mamma, una minzione più frequente, un aumento della temperatura e una riduzione della fase REM del sonno.

Tutti aspetti con rendono più difficile dormire normalmente. Col passare dei mesi e con l’aumentare della pancia (soprattutto nel terzo trimestre) le cause sono più di natura fisica con problemi di postura che influiscono sul riposo notturno.

 

Come affrontare l’insonnia in gravidanza

 

Esistono alcuni semplici rimedi per evitare di passare le lunghe ore notturne fissando il soffitto della camera da letto.

Per prima cosa evitare la caffeina dopo il pranzo. Un eccitante è ciò di cui non si ha proprio bisogno per potersi addormentare.

Limitare il più possibile i riposi diurni. Fare ginnastica ma soltanto di giorno. Il movimento fa bene, ma troppo vicino all’ora in cui si va a letto può rendere difficRimedi per combattere l'Insonnia in Gravidanzaile il sonno.

Fare un bagno caldo è utile: rilassa i muscoli e predispone meglio il corpo ad addormentarsi.

Ci si può concedere tranquillamente uno snack prima di dormire (proteine o carboidrati) per evitare il classico “buco allo stomaco” nel cuore della notte.

Cercare di andare a letto e risvegliarsi, se possibile, sempre alla stessa ora aiuta ad assimilare il ritmo sonno/veglia.

A letto utilizzate un materasso non troppo rigido, nè troppo morbido. L’ideale sono quelli in lattice o a molle. La posizione sul fianco (sinistro) è la più indicata per il riposo delle gestanti.

Se siete interessati invece a rimedi naturali, come la valeriana per sconfiggere in modo definitivo l’insonnia, sul sito Lavaleriana.it tutti i dettagli e riferimenti utili.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *